L' ABC del Diritto

I, come Ipoteca

a cura di:
La Redazione di JL OnLine

Garanzia reale su beni immobili o mobili registrati, con cui il creditore può espropriare i beni vincolati, anche nei confronti del terzo.

Ti potrebbero interessare anche i seguenti contributi giuridici

Z, come Zona di Esclusiva
V, come Vendita
U, come Usucapione
T, come Testamento

Potresti avvalerti dei seguenti servizi legali

I, come Ipoteca

a cura di:
La Redazione di JL OnLine

L’ipoteca è un diritto reale di garanzia su beni immobili o mobili registrati. Essa consente al creditore insoddisfatto di espropriare detti beni anche nei confronti del terzo acquirente e di essere soddisfatto con preferenza sul prezzo ricavato dalla vendita.

L’ipoteca può essere legale, giudiziale o volontaria. Nel primo caso è la legge a stabilire l’esistenza della garanzia (per la cui costituzione è comunque necessaria l’iscrizione nei pubblici registi d opera del conservatore), in favore di determinati soggetti: l’alienante di un immobile per l’adempimento del compratore; i partecipanti alla divisione per i conguagli sugli immobili assegnati; lo Stato sui beni dell’imputato e del responsabile civile.

L’ipoteca giudiziale si costituisce sempre con l’iscrizione nei pubblici registri del titolo giudiziale che la prevede. In tal senso costituiscono fonte dell’ipoteca le sentenze di condanna al pagamento di somme di denaro, al risarcimento del danno, la sentenza di separazione o divorzio, il lodo arbitrale resi esecutivi e le sentenze straniere dichiarate efficaci dall’autorità giudiziaria.

Viceversa, l’ipoteca volontaria si costituisce per contratto, o per dichiarazione unilaterale del concedente. L’atto deve essere poi esibito per l’iscrizione dell’ipoteca nei pubblici registri.

I, come Ipoteca

a cura di:
La Redazione di JL OnLine

L’ipoteca è un diritto reale di garanzia su beni immobili o mobili registrati. Essa consente al creditore insoddisfatto di espropriare detti beni anche nei confronti del terzo acquirente e di essere soddisfatto con preferenza sul prezzo ricavato dalla vendita.

L’ipoteca può essere legale, giudiziale o volontaria. Nel primo caso è la legge a stabilire l’esistenza della garanzia (per la cui costituzione è comunque necessaria l’iscrizione nei pubblici registi d opera del conservatore), in favore di determinati soggetti: l’alienante di un immobile per l’adempimento del compratore; i partecipanti alla divisione per i conguagli sugli immobili assegnati; lo Stato sui beni dell’imputato e del responsabile civile.

L’ipoteca giudiziale si costituisce sempre con l’iscrizione nei pubblici registri del titolo giudiziale che la prevede. In tal senso costituiscono fonte dell’ipoteca le sentenze di condanna al pagamento di somme di denaro, al risarcimento del danno, la sentenza di separazione o divorzio, il lodo arbitrale resi esecutivi e le sentenze straniere dichiarate efficaci dall’autorità giudiziaria.

Viceversa, l’ipoteca volontaria si costituisce per contratto, o per dichiarazione unilaterale del concedente. L’atto deve essere poi esibito per l’iscrizione dell’ipoteca nei pubblici registri.

Di: La Redazione di JL OnLine | 2018-06-28