L' ABC del Diritto

H, come House (affidamento)

a cura di:
La Redazione di JL OnLine

Procedura con cui un soggetto tenuto all'obbligo di evidenza pubblica, prevede in proprio all'esecuzione di servzi, affidandone l' esecuzione ad un' altra entità giuridica.

Ti potrebbero interessare anche i seguenti contributi giuridici

Z, come Zona di Esclusiva
V, come Vendita
U, come Usucapione
T, come Testamento

Potresti avvalerti dei seguenti servizi legali

H, come House (affidamento)

a cura di:
La Redazione di JL OnLine

Con il termine affidamenti in house (o in house providing)si indica la procedura con cui un’amministrazione pubblica, anziché indire una gara per affidare la gestione di funzioni a soggetti esterni, provvede da sé, attribuendo dette funzioni ad un'entità economica pubblica.

Si tratta di un modello organizzativo in cui la P.A. provvede in autonomia al perseguimento degli scopi pubblici, cumulando su di sé sia la funzione di appaltante, che quella di appaltatore (o concessionario). L’entità giuridica a cui viene attribuita la titolarità del servizio deve essere legata alla stazione appaltante da vincoli talmente serrati da non rendere esistente una duplicità di soggetti fra P.A. e affidatario. In una tale situazione, l’obbligo di indire una gara a evidenza pubblica viene meno in quanto la P.A. non affida il servizio a un terzo, ma a sé stessa, o meglio a una propria articolazione che, pur assumendo una veste di soggetto terzo, rimane legata alla stazione appaltante.Proprio il legame strettissimo fra affidante e affidatario (quasi si potrebbe parlare di identificazione tra i due soggetti) consente il ricorso all’affidamento diretto dell'appalto o del servizio.

H, come House (affidamento)

a cura di:
La Redazione di JL OnLine

Con il termine affidamenti in house (o in house providing)si indica la procedura con cui un’amministrazione pubblica, anziché indire una gara per affidare la gestione di funzioni a soggetti esterni, provvede da sé, attribuendo dette funzioni ad un'entità economica pubblica.

Si tratta di un modello organizzativo in cui la P.A. provvede in autonomia al perseguimento degli scopi pubblici, cumulando su di sé sia la funzione di appaltante, che quella di appaltatore (o concessionario). L’entità giuridica a cui viene attribuita la titolarità del servizio deve essere legata alla stazione appaltante da vincoli talmente serrati da non rendere esistente una duplicità di soggetti fra P.A. e affidatario. In una tale situazione, l’obbligo di indire una gara a evidenza pubblica viene meno in quanto la P.A. non affida il servizio a un terzo, ma a sé stessa, o meglio a una propria articolazione che, pur assumendo una veste di soggetto terzo, rimane legata alla stazione appaltante.
Proprio il legame strettissimo fra affidante e affidatario (quasi si potrebbe parlare di identificazione tra i due soggetti) consente il ricorso all’affidamento diretto dell'appalto o del servizio.

Venendo all’analisi dei casi pratici, non è raro riscontrare il ricorso alla procedura in esame nel caso di gestione di reti idriche sul territorio municipale da parte di uno o più comuni consorziati, o il servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti.

Di: La Redazione di JL OnLine | 2018-06-28