L' ABC del Diritto

V, come Vendita

a cura di:
La Redazione di JL OnLine

Contratto avente ad oggetto il trasferimento della proprietà di una casa o altro diritto verso il corrispettivo di un prezzo.

Ti potrebbero interessare anche i seguenti contributi giuridici

Z, come Zona di Esclusiva
V, come Vendita
U, come Usucapione
T, come Testamento

Potresti avvalerti dei seguenti servizi legali

V, come Vendita

a cura di:
La Redazione di JL OnLine

La vendita costituisce il contratto più diffuso nella circolazione di beni e merci. A riprova della sua importanza, quasi paradigmatica, il legislatore ha posto la sua definizione all’esordio del titolo terzo del libro quarto, ovvero prima della definizione degli altri contratti tipici.La compravendita si configura come contratto consensuale (che si perfeziona dunque senza la necessaria consegna del bene), corrispettivo, istantaneo, i cui effetti sono normalmente reali, ovvero incidono sulla traslazione di diritti gravanti su beni.Tuttavia l’ordinamento, e la prassi commerciale, declina la vendita in una serie di sfaccettature molto complesse, i cui effetti sono meramente obbligatori. In tal senso si può avere vendita sottoposta a termine iniziale o a condizione sospensiva, vendita con riserva di proprietà, vendita di cose altrui, vendita di cose future e vendita di cose alternative. In tutti questi casi l’effetto traslativo è differito ad un momento successivo alla stipula del contratto, tanto che si parla di effetti reali differiti. 

V, come Vendita

a cura di:
La Redazione di JL OnLine

La vendita costituisce il contratto più diffuso nella circolazione di beni e merci. A riprova della sua importanza, quasi paradigmatica, il legislatore ha posto la sua definizione all’esordio del titolo terzo del libro quarto, ovvero prima della definizione degli altri contratti tipici.
La compravendita si configura come contratto consensuale (che si perfeziona dunque senza la necessaria consegna del bene), corrispettivo, istantaneo, i cui effetti sono normalmente reali, ovvero incidono sulla traslazione di diritti gravanti su beni.
Tuttavia l’ordinamento, e la prassi commerciale, declina la vendita in una serie di sfaccettature molto complesse, i cui effetti sono meramente obbligatori. In tal senso si può avere vendita sottoposta a termine iniziale o a condizione sospensiva, vendita con riserva di proprietà, vendita di cose altrui, vendita di cose future e vendita di cose alternative. In tutti questi casi l’effetto traslativo è differito ad un momento successivo alla stipula del contratto, tanto che si parla di effetti reali differiti. 

Di: La Redazione di JL OnLine | 2018-06-28