AMBIENTALE

Amianto nell'edificio: assistenza legale

Atto legale personalizzato OnLine

Segnalare la presenza di amianto alle autorità competenti, rivolgersi al proprietario interessato, rispondere al proprietario confinante sul tema, per iscritto, per far valere i proprii diritti.

 

A partire da € 290 ( * maggiori informazioni )

Valerio Cicchiello

Valerio Cicchiello

Iscritto all'Ordine degli Avvocati Milano dal 2001, già Professore di Diritto Ambientale per il Politecnico Milano, ha proprio studio legale in Milano e Bergamo. In JusticeLaw On Line è titolare dipartimento diritto amministrativo, referente di diritto ambientale e diritto dei consumatori.

Per far valere, per iscritto, i propri diritti, nella consapevolezza delle procedure e normative vigenti.

Si consideri, infatti, che il proprietario di un edificio con presenza di amianto è tenuto a comunicarne la presenza alle ATS (ex Asl) e, quando le condizioni di degrado sono tali da creare una condizione di rischio, è altresì tenuto a effettuare un intervento di bonifica.

La mancata effettuazione della segnalazione può determinare l'erogazione di una sanzione amministrativa di tipo pecuniario.

Le persone interessate da edifici con presumibile presenza di amianto possono effettuare una segnalazione alla Ats o direttamente agli stessi proprietari: nel primo caso sollecitano il controllo delle Pubbliche Amministrazioni competenti, nel secondo caso invitano il proprietario, con approccio di composizione bonaria, a una spontanea responsabilizzazione in ordine alle proprie obbligazioni.

Il privato interessato a effettuare una segnalazione alle autorità competenti e/o direttamente agli stessi proprietari o, all'inverso, il proprietario dell'edificio che abbia ricevuto una comunicazione in materia dalla P.A. o da un privato confinante e che intenda controdedurre e far valere le proprie ragioni, può richiedere all’avv. Valerio Cicchiello, esperto di diritto ambientale, assistenza per la redazione di un atto scritto, nel rispetto della normativa vigente (Legge 257 del 1992 e successive modifiche).

Questo atto personalizzato viene inviato al cliente in forma scritta tramite area riservata. Sia prima della redazione dell'atto, che successivamente alla sua consegna, l'avv. Cicchiello si renderà disponibile per un breve chiarimento via chat o telefono.

Sono previsti i seguenti costi aggiuntivi:

€. 100 se: a) l'interessato chieda che sia l'avvocato a inviare l'atto in sua rappresentanza; b) l'interessato invii documentazione corposa, superiore complessivamente a nr. 8 pagine; c) l'interessato invii più di nr. 3 documenti.

€. 200 se l'edifico sia di proprietà, o in uso, da parte di esercente un'attività lavorativa:  in questo caso infatti vanno considerate, in via aggiuntiva, altre norme inerenti la sicurezza sul lavoro e ci sono responsabilità e obblighi maggiori per il proprietario.

Questo servizio non può essere utilizzato nel caso in cui ci sia una controversia giurisdizionale già in corso, o nel caso in cui l'interessato sia una pubblica amministrazione o nel caso in cui si intenda richiedere un atto per contravvenire/aggirare la normativa vigente in materia.   

Inoltre, per chiarimenti preliminari di tipo orientativo, a questo servizio è consigliabile la prenotazione del servizio di consulenza preliminare. 

Il servizio consiste nella redazione di un atto difensivo scritto che l'interessato potrà adoperare per far valere le proprie ragioni nel rispetto della normativa vigente, allo scopo, a secdonda dei casi, di:

a) segnalare alle autorità competenti la presenza di un edificio con presumibile presenza di amianto;

b) ricordare al proprietario dell'edificio i propri obblighi in materia e invitarlo ad attivarsi, spontaneamente, per la risoluzione della problematica;

c) rispondere a una comunicazione scritta al proprietario dell'edificio interessato, proveniente dalle autorità competenti in materia (Comune, Ats, altra P.A.), nell'ambito di una segnalazione, un controllo o un accertamento,

d) rispondere, in qualità di proprietario dell'edificio, a una comunicazione scritta da parte di una persona interessata dal tema , ad es. perchè inquilino, o vicino confinante, o lavoratore nell'edificio;

Si precisa, inoltre, che nel caso di comunicazioni provenienti dalla Pubblica Amministrazione, è solitamente la stessa P.A. a fissare un termine perentorio entro cui l'interessato debba, o possa, a seconda dei casi, rispondere; é importante, dunque, che la richiesta di redazione dell'atto sia formulato all'avvocato con un congruo anticipo.

Al fine di predisporre l'atto con chiarezza di intenti e contenuti, l'avvocato si rende disponibile a organizzare la redazione dell'atto come segue: 1° esame della documentazione inviata dall'interessato; 2° breve incontro di chiarimento in conf. call; 3° predisposizione e consegna dell'atto all'interessato; 4° breve incontro di chiarimenti in conf. call.